Tutti i bonus 2020: Bonus ristrutturazioni, Bonus mobili, Sismabonus ed Ecobonus

Il 2020 sarà un anno di riconferme se non addirittura di novità! È arrivata la conferma del rinnovo per tutto il 2020 dei bonus di ristrutturazione, del bonus mobili, sismabonus e ecobonus.

Addirittura si parla della volontà di renderli strutturali cioè permanenti da qui in avanti.

Ma iniziamo a capire in che cosa consistono i vari incentivi, chi ne ha diritto e come richiederli.

Bonus ristrutturazioni 2020

Questo bonus consente di ottenere delle detrazioni IRPEF pari al 50% dell’importo speso fino ad un massimo di 96.000 euro. L’importo verrà restituito in 10 rate annuali di pari importo.

Ne ha diritto chi effettua lavori di restauro, risanamento e di ristrutturazione edilizia. In aggiunta possono essere detratte fino al 50% anche le spese collegate alla ristrutturazione, come ad esempio, spese di progettazione, prestazioni professionali, spese per la messa a norma, spese per acquisto dei materiali, ecc…

Chi ha diritto al bonus ristrutturazione?

Hanno diritto al bonus ristrutturazione:

  • i proprietari;
  • il titolare di usufrutto, uso, abitazione o superficie;
  • l’inquilino o comodatario;
  • soci di cooperative o società semplici;
  • il familiare entro il terzo grado o l’affine entro il secondo grado;
  • il coniuge.

Quali documento presentare?

Per poter usufruire della detrazione fiscale, il soggetto interessato deve presentare la seguente comunicazione:

  • inviare la comunicazione di inizio lavori tramite raccomandata
  • effettuare il pagamento delle spese tramite bonifico parlante, bancario, postale
  • indicare nella dichiarazione dei redditi i dati catastali dell’immobile e la quota in detrazione
  • conservare tutti i documenti relativi alla concessione della ristrutturazione come ad esempio fatture, ricevute fiscali, ricevute dei bonifici, pagamento Imu se dovuta, delibere dei condomini se modifiche a parti comuni, ecc… 

Bonus mobili 2020

Il Bonus mobili è un’agevolazione che interessa a chi a seguito di una ristrutturazione edilizia, iniziata non prima del 1° gennaio 2019, ha la necessità di acquistare nuovi elettrodomestici, arredi e complementi di illuminazione. La detrazione in questo caso è pari al 50% dell’importo speso per un massimo di 10.000 euro. Il bonus mobili è valido in caso di acquisto di elettrodomestici in classe A+, per i forni di classe A, per arredi e apparecchi di illuminazione, acquistati tramite bonifico bancario o carta di credito, non in contanti. La detrazione verrà restituita  a partire dall’anno seguente agli acquisti in 10 rate di pari importo.

Nel bonus mobili non rientrano spese relative all’acquisto di porte, pavimenti, di tende o tendaggi a meno che no abbiamo schermatura solare e rientrano nel bonus tende.

Sismabonus 2020

Incentivo per gli interventi di riduzione di rischio, questo è il sismabonus 2020. Questo bonus prevede una detrazione importante o uno sconto immediato per tutti quelli che durante l’anno effettuano dei miglioramenti per ridurre la classe di rischio di un immobile. Infatti si parla di una riduzione del 70% per la riduzione di 1 classe di rischio, mentre del 75% se le classi diventano 2. Nel caso il miglioramento sia stato effettuato su condomini la detrazione passa rispettivamente a 75% per una classe di rischio e 80% per due classi di rischio.

 

Ecobonus 2020

L’ecobonus prevede invece una detrazione o sconto del 65% o 50% per tutti colore che decidono di effettuare interventi che comportano un risparmio energetico. L’importo massimo per la detrazione è di 100.000 euro da suddividere poi in 10 anni. Al suo interno l’ecobonus comprende altri bonus molto importanti:

  • Caldaia: la detrazione varia dallo 0% al 50% o 60% in base alla tipologia di caldia che si sceglie;
  • Zanzariere: detrazione del 50% se dotate di schermature solari;
  • Tende da sole e tende da interni: inventivo del 50%
  • Finestre ed infissi: agevolabile sia con ecobonus che con bonus ristrutturazioni che prevede una detrazione IRPEF del 50%.